tumore, come affrontare le fasi della malattia

Tumore, come affrontare le fasi della malattia

5 Minuti5 Luglio 2022

affrontare il tumore


La cancer coach ti spiega i momenti del percorso oncologico

Un atleta che si prepara a una gara a tappe. O il protagonista di un romanzo che deve affrontare sfide e avventure. A questo assomiglia un paziente oncologico. Lo sappiamo, sono metafore molto più poetiche della realtà che stai vivendo, ma servono a farti riflettere su un concetto fondamentale: la malattia è un percorso fatto di più step ed è importante comprenderlo per vivere questi momenti con la giusta consapevolezza e quindi superarli al meglio.

“Le fasi della malattia sono quattro” spiega la nostra cancer coach Mara Mussoni. “Ogni persona ha i suoi tempi e passare da una tappa all’altra non è scontato. Non è sempre un passaggio fluido, anzi. Ma bisogna capire, appunto, che ci sono fasi diverse e ognuna richiede energie e atteggiamenti differenti. Anche perché è fondamentale passare poi alla fase più attiva, quella determinante per il nostro benessere”. In questo articolo, ti spieghiamo quindi le singole tappe, con i consigli dell’esperta.

1

La negazione: quando ricevi la diagnosi, a livello inconscio scatta una specie di meccanismo di difesa che ti spinge a negare il tumore. Nella quotidianità agisci, cerchi subito di attivarti e organizzare ricoveri, cure e tutto quello che ruota intorno, ma la notizia è così forte e impattante che tendi a proteggerti e, quindi, a non indagare troppo. Paura e confusione hanno il sopravvento e la tua mente prova a rimuovere le riflessioni più approfondite. È un momento fisiologico e legittimo ed è normale non andare troppo a fondo e cadere in un atteggiamento un po’ vittimistico che spinge a ripeterti ‘perché accade a me, perché adesso?’.

2

L’adattamento: ogni essere umano è fatto per adattarsi e dopo un trauma si abitua alla nuova realtà, anche alla più difficile. Così dopo il trauma iniziale e, per esempio, dopo il ricovero e l’operazione, trovi una nuova routine che incastra lavoro e terapie, ritorni pian alle piccole abitudini di prima o ne crei di nuove che ti regalano un po’ di equilibrio e di certezze. È un periodo molto faticoso e spesso, dopo una fase di grande energia, ne attraverserai un’altra di down, più apatica. Di solito, è la fase in cui finisci le terapie e ti senti stanca e abbandonata, senza più la sicurezza di guarigione data dalle cure frequenti.

3

La presa di coscienza: prima o poi arriva una delle tappe più importanti, quella in cui trovi la consapevolezza per elaborare quello che è accaduto e capire cosa è giusto fare. Si tratta di un’autentica svolta e, proprio per questo, non è scontata. Diverse persone rimangono a lungo ferme nelle prime due fasi, a volte ci restano tutta la vita. Ma di solito arriva il periodo in cui ti guardi intorni e capisci che potresti stare meglio e che il cancro ha portato una nuova modalità di essere. Ricordati, infatti, che per ogni paziente oncologico c’è sempre un prima e un dopo, perché la malattia ti cambia nel profondo anche se ci metterai un po’ a capirlo e a trovare una nuova strada da percorrere.

4

L’azione: è l’inizio del cambiamento, del percorso di crescita personale in cui ti guardi dentro e ti chiedi che persona vorresti essere. Il primo passo è pensare che la malattia non è stata una casualità e che può trasformarsi in un’occasione per migliorarsi. Prima di tutto, cerca le informazioni per stare davvero meglio e per fare in modo che il cambiamento sia reale: leggi, frequenta dei corsi, trova stimoli e spunti, fatti delle domande… E non fermarti a un cambiamento superficiale: certo, è importante prendersi cura della salute e seguire una stile di vita più sano, partendo dall’alimentazione. Ma la vera svolta è quella che fai dentro di te, modificando per esempio alcune dinamiche di comportamento, i rapporti personali o il lavoro. E per intraprendere questo percorso può essere necessario l’aiuto di un esperto, come uno psicologo o un cancer coach.