Mi innamorerò ancora dopo il cancro

Mi innamorerò ancora dopo il cancro?

5 Minuti27 Ottobre 2022

cancro e coppia


Il nostro sessuologo ti regala i consigli per buttarti in una nuova storia

L’emozione del primo appuntamento, la voglia di farsi belli e immaginare che cosa accadrà, il gioco di sguardi… Quando sei nel pieno delle cure, tra tour de force in ospedale e ambulatori, tutto questo ti sembra un miraggio, qualcosa di lontano e irrealizzabile. Ma poi il momento peggiore della tempesta passa e puoi provare a ricostruire la tua vita, anche quella che riguarda la sfera sentimentale. “Già, innamorarsi è ancora possibile” spiega Fabrizio Quattrini, presidente dell’Istituto italiano di sessuologia scientifica e coach di Koala Strategy. “Chi ha visto la morte in faccia ha il terrore di rimettersi in gioco, come se non avesse più il diritto di essere felice. Invece ce l’ha ancora di più. Prima di rapportarsi con gli altri, però, bisogna aver accettato la malattia, con l’aiuto di uno psicologo se necessario, perché altrimenti non potremmo mai farla vivere positivamente agli altri. Fatto questo, tutte le paure, come quella di non piacere a nessuno, possono essere superate”. Noi ti aiutiamo a farlo proprio con le dritte del nostro esperto.

1

Forzati un po’: non aspettare di essere pronta per innamorarti ancora perché non lo sarai mai veramente dopo la malattia. Sei cambiata, hai sofferto molto, magari hai messo in discussione il tuo passato: insomma, è una sfida importante ed è normale essere insicura. Ma se continui a rimuginare, rischi di non vivere. E sai bene, invece, quanto la vita sia preziosa e vada sperimentata in ogni istante. Quindi, buttati, osa e approfitta di ogni opportunità.

2

Scegli una situazione ‘facile’: se torni a giocare la partita del cuore dopo tanto tempo, non pretendere di fare gol al primo minuto. La cena a lume di candela nel ristorante più cool della città può essere troppo per un primo contatto: meglio un caffè o, addirittura, un’uscita con degli amici in comune. Insomma, cerca una situazione che ti metta a tuo agio.

3

Colleziona gli insuccessi: hai letto bene. Ci saranno serate da dimenticare, telefonate sterili o conversazioni imbarazzanti: non importa, perché sono tutte esperienze che ti serviranno a conoscere la nuova te, quella post cancro. Impara da ogni esperienza negativa e non darle troppo peso. Hai ricevuto il classico due di picche o lui/lei è sparito dopo la prima uscita? Tu non sei questo insuccesso, così come non sei la tua malattia.

4

Rivelati poco a poco: lo sappiamo, c’è una domanda che ti tormenta: quando devo raccontare della mia malattia? La risposta contiene tante variabili: dipende dal vostro grado di conoscenza (ovvero se vi conoscevate già prima, se avete amici in comune…), ma in ogni caso il consiglio è di affrontare l’argomento con calma. Il cancro non deve essere il tuo biglietto da visita. Prima, cerca di conoscere questa persona, ascoltala, prova a capire i suoi valori e le sue priorità. Non fingere, certo, ma prenditi tutto il tempo che ti serve e raccontagli il tuo percorso con calma e con i dettagli che ti senti di svelare.

5

Non metterlo alla prova: la sua reazione al tuo racconto della malattia non ti ha convinta? Mantieni la calma, perché non è da questo dettaglio che puoi valutare la sua personalità. Magari non ha mai avuto a che fare con l’argomento e si sente spaesato. Quindi, se comunque ti piace continua a frequentarlo per qualche settimana e datevi il tempo di crescere insieme. Poi farai le tue considerazioni…

6

Sentiti libera: dopo la malattia hai bisogno di essere libera, ovvero di essere te stessa, senza troppe formalità o ragionamenti. Quindi, vivi questi momenti con naturalezza e segui sempre il tuo cuore, anche a costo di sbagliare o di comportarti in modo diverso dal solito.