Cancro e unghie le 7 cose da sapere

Cancro e unghie, le 7 cose da sapere

3 Minuti15 Novembre 2022

myriam mazza


I consigli della beauty coach per prendersi cura di mani e piedi durante le terapie oncologiche

I capelli, le ciglia e le sopracciglia. Sono tanti, tantissimi, gli aspetti di cui occuparti quando hai un tumore, ti stai sottoponendo alle terapie e devi fare i conti con gli effetti collaterali delle cure. Allora, se stai pensando al tuo benessere non dimenticare le unghie. “Si tratta di una delle parti più aggredite dalle terapie” spiega la nostra beauty coach Myriam Mazza, responsabile del progetto di dermocosmesi oncologica Ricomincio da Me. “Diventano molto fragili, si sfaldano, si macchiano e cambiano colore. Spesso, poi, si distaccano. Questi disturbi a volte continuano anche dopo la fine delle cure. Ecco perché è importantissimo prendersi cura delle unghie di mani e piedi. Seguendo questi consigli, che ho testato con successo su tante pazienti, non avrai problemi”.

1

Puliscile con lo spazzolino: l’igiene è fondamentale perché lo sporco porta batteri che causano infezioni. Allora, lava spesso le mani con acqua tiepida e con un detergente oleoso. Una volta al giorno, pulisci le unghie con uno spazzolino, che userai solo per questo scopo.

2

Asciugale con il phon: anche l’umidità porta i batteri, quindi mani, piedi e unghie vanno sempre tamponati con attenzione. Vuoi un trucco veloce? Fallo con il phon.

3

Usa la vitamina E: bisogna idratare le unghie con prodotti emollienti. Sono perfetti gli olii protettivi a base di vitamina E, da mettere e spalmare bene anche sulle cuticole.

4

Dagli la forma giusta (rotonda): in questo periodo le unghie vanno tenute corte e rotonde, senza spigoli che tagliano la cute. Non toccare e tagliare le cuticole perché rischi di creare piccoli traumi nella zona e causare poi infezioni.

5

Vai da un’estetista specializzata: quando segui le terapie è meglio evitare il fai da te e andare da un’estetista specializzata in estetica oncologica per fare manicure e pedicure. Trovi quella più vicino a te sul sito di APEO (per conoscere APEO, guarda l’intervista che abbiamo fatto con loro qui). Se devi fare qualche aggiustatina casalinga, usa una lima super delicata, i bastoncini d’arancio per spingere le cuticole e un buon olio emolliente.

6

Dimentica il semipermanente: il semipermanente va archiviato almeno per un anno perché è uno smalto troppo aggressivo. Vietata anche la ricostruzione delle unghie.

7

Scegli lo smalto con il silicio: ti piacciono le unghie colorate e trendy? Lo smalto non è tabù ma compra quello con silicio, vitamina E e filtri solari e senza canfora e formaldeide. Così le tue unghie saranno sempre protette al meglio.

Se hai domande per la nostra beauty coach, scrivile subito a info@koalastrategy.com.


cancro e pelle così ti prendi

Tumore: 8 trucchi contro le cicatrici

3 Minuti21 Giugno 2022

myriam mazza


I consigli della beauty coach per trattare i segni lasciati dall’intervento per asportare il tumore

La cicatrice è un ‘segno’ nella pelle, che ti ricorda sempre l’intervento e che invece vorresti cancellare il prima possibile. Allora, se hai appena rimosso un tumore ti regaliamo 8 trucchi per dire addio alle cicatrici, firmati dalla nostra beauty coach Myriam Mazza. “Sono dei trucchi semplici ma efficaci, che ho testato durante i percorsi che faccio da anni nel mio laboratorio con i pazienti oncologici. Se li segui passo dopo passo, la cicatrice può diventare un lontano ricordo in sei mesi, massimo un anno”.

1

Previeni: prenditi cura della pelle ancora prima di entrare in sala operatoria e durante i giorni precedenti idrata la zona e rendila più elastica possibile con una crema a base di acido ialuronico.

2

Fai attenzione al post operatorio: le prime 48/72 ore dopo l’intervento sono cruciali. Vietati bagni e docce, perché la ferita non va bagnata. Per disinfettare, usa soltanto i prodotti consigliati dal chirurgo.

3

Inizia a ‘trattare’ la cicatrice: dopo 15/20 giorni, puoi cominciare a prenderti cura della ferita. Lavala sempre con oli detergenti delicati. Se il chirurgo ti ha suggerito di utilizzare i cerotti al silicone, a ogni cambio massaggia delicatamente la cicatrice con i polpastrelli seguendo la lunghezza del taglio. I prodotti migliori? Le creme a base di vitamina E, quelle con allantoina, oppure l’olio di mandorle dolci, quello al germe di grano o alla rosa mosqueta. Provali prima sull’avambraccio per evitare fastidiose reazioni allergiche. Infine, un principio attivo portentoso e ancora poco conosciuto è l’estratto di cipolla.

4

Prova lo spray contro il prurito: se la cicatrice ti dà fastidio, usa uno spray ricco di vitamina F e PP, che calmano il prurito e aiutano la rigenerazione cellulare.

5

Occhio al caldo: il sudore e le temperature estive irritano la ferita? Fai degli impacchi con amido di riso o utilizza un detergente con questo principio attivo per bagni e docce rigorosamente tiepidi.

6

Niente sole: l’abbronzatura è nemica della cicatrice, quindi evita i raggi Uva per i primi sei mesi dopo l’operazione. Usa sempre una buona protezione solare e copri la zona sei vai al mare.

7

Monitora i problemi: se la cicatrice fa male o ha un odore sgradevole, contatta subito il medico che verificherà se c’è un’infezione. Mi raccomando, niente fai da te con il cortisone.

8

Vai dal fisioterapista: quando la cicatrice non guarisce nel modo giusto e, per esempio, nella zona si forma un eccesso di tessuto rivolgiti subito a un fisioterapista, che può trattare trattare la zona con massaggi o movimenti tecnici specifici e davvero efficaci.


Cancro e Beauty: A scuola di bellezza con la nostra coach Myriam Mazza

A scuola di bellezza con la nostra coach Myriam Mazza

4 Minuti18 Febbraio 2022

myriam mazza

Da oggi ti portiamo a scuola di bellezza con Myriam Mazza. Quello che a prima vista può sembrare una follia, è il mantra di Myriam Mazza, la nostra beauty coach. Voce cristallina e cuore grande, farmacista specializzata in cosmesi oncologica, vive a Napoli ma gira l’Italia per aiutare donne e uomini alle prese con gli effetti indesiderati di un tumore.

 

La scuola di bellezza è nata dopo una sfilata

Tutto è iniziato qualche anno fa, quando la dottoressa Mazza è stata invitata a una sfilata in un ospedale napoletano. “Arrivata lì, ho scoperto che le modelle erano tutte pazienti del reparto di Oncologia. Erano giovani, praticamente mie coetanee, piene di voglia di vivere e molto emozionate per quell’evento. Eppure, al tempo stesso, avevano paura di specchiarsi e guardavano terrorizzate la loro immagine: vivevano male i segni che la malattia stava lasciando sul loro corpo e sulla loro pelle, non riuscivano a rassegnarsi mentre i capelli diventano sempre più radi o la cute si tagliava per colpa della chemioterapia. Mi sono immedesimata subito e mi sono chiesta che cosa potessi fare per aiutarle”.

 

Un laboratorio gratuito per  i pazienti oncologici

Così, Miryam ha fondato Ricomincio da me, quello che lei chiama un laboratorio gratuito di ‘accudimento dermocosmetico’. “In pratica, mi occupo di queste persone appena ricevono la diagnosi e le seguo prima, durante e dopo i trattamenti oncologici. Mi focalizzo sulla pelle perché la cute è uno strumento di protezione del nostro organismo, parla di noi e durante le terapie diventa un bersaglio ma anche una sentinella, perché ci dice come effettivamente stiamo. I miei pazienti sono soprattutto donne, ma gli uomini sono sempre di più perché anche loro reclamano il diritto di sentirsi a loro agio. La malattia e le terapie causano diversi disturbi, dai rush cutanei alla secchezza, dai problemi alle mucose orali e genitali fino alla sindrome mano-piede. Per ognuno, propongo protocolli di cura scientificamente studiati con altri esperti, prodotti, trattamenti estetici, massaggi e altro ancora”.

“La malattia e le terapie causano diversi disturbi, dai rush cutanei alla secchezza, dai problemi alle mucose orali e genitali fino alla sindrome mano-piede. Per ognuno, propongo protocolli di cura scientificamente studiati con altri esperti, prodotti, trattamenti estetici, massaggi e altro ancora”

Myriam Mazza

Farmacista specializzata in cosmesi oncologica

Vedersi belli aiuta i malati di tumore

Solo nell’ultimo anno, la coach ha seguito oltre 100 pazienti e ora, Covid permettendo, riparte anche con i laboratori di persona in diverse città d’Italia, dal Piemonte alla Sicilia. Perché vedersi e sentirsi belli è fondamentale e diversi studi pubblicati su prestigiose riviste scientifiche dimostrano che spinge anche a proseguire le cure con maggiore efficacia. “Quanti pazienti mi chiamano, a ogni ora, sussurrandomi che non vogliono più sottoporsi alla chemio o alla radio proprio per gli effetti che hanno sul viso o sul corpo. Così, se li aiuto a diminuire o cancellare questi effetti, loro riacquistano forza e proseguono il percorso con una marcia in più. La bellezza non è un fine, non deve diventare qualcosa di maniacale, e io non ho la bacchetta magica, ma vedersi a posto e in ordine è prezioso per sentirsi meno malate. E io voglio fare proprio questo”.

Ed è quello che la dottoressa Mazza farà anche con noi. Ogni mese ci regalerà consigli e novità, ci spiegherà come trattare i vari disturbi e sottolineerà gli errori da non fare con articoli, post, video e tanto altro. Insomma, bellezza e benessere non saranno più un’utopia ma una realtà concreta.

E se hai domande per la nostra beauty coach, scrivile subito a info@koalastrategy.com.