Così ti alleni a casa a costo (quasi) zero

4 Minuti26 Settembre 2022

tumore e attività fisica


La nostra fisioterapista ti regala i trucchi low cost per tornare in forma dopo le terapie

Le temperature che si abbassano, la pigrizia autunnale, il carico di impegni quotidiani. Se a tutto questo ci aggiungi le fatiche del percorso oncologico, fare attività fisica sembra quasi impossibile. Non solo, ora ci si mettono anche prezzi alle stelle e inflazione, con il portafoglio che piange… Ma il movimento adesso è più importante che mai, proprio per ritrovare benessere ed equilibrio e combattere gli effetti indesiderati delle terapie. Allora, la nostra fisiocoach Sara Mantovani ti suggerisce le dritte per un allenamento casalingo low cost e personalizzato. “Tenersi in forma tra le pareti di casa può essere anche un’esigenza medica perché i luoghi affollati come le palestre non sono il massimo per chi ha il sistema immunitario sotto stress” spiega l’esperta. Insomma, con i nostri consigli puoi trasformare il soggiorno nella palestra perfetta.

1

Ti alleni quando vuoi: ogni momento è valido, serve solo un po’ di tempo libero, senza bisogno di spostamenti e organizzazione. Bastano 20-30 minuti, 3 volte alla settimana, per ottenere benefici. Il momento migliore? Se stai facendo la terapia ormonale e quindi soffri di dolori articolari al risveglio, muoverti appena alzata sconfigge questi fastidi.

2

Non ti serve (quasi) nulla: allenarti a casa è davvero economico perché bastano pochi oggetti, che puoi acquistare anche nei discount. Gli ‘indispensabili’ sono un tappetino imbottito, un paio di pesi da uno-due chilogrammi e una confezione di elastici. Un consiglio: scegli una confezione mista, con elastici di colori diversi che hanno quindi durezza differente e ti aiutano a modulare gli esercizi. Di solito, quelli più morbidi si usano sulle braccia, mentre i più duri sulle gambe.

3

Non dimenticare la sedia: non è uno scherzo. Utilizza la classica sedia del soggiorno per fare gli esercizi. Per esempio, ti ci puoi appoggiare quando fai gli squat o i piegamenti o puoi sederti quando lavori sulle gambe. In ogni caso, carichi meno su muscoli e articolazioni.

4

Scegli i programmi giusti: oggi esistono tantissime app per il fitness, video su Youtube e siti con lezioni online. Provane un po’ e scegli quello giusti per te, così avrei sempre un allenamento pronto, dinamico e ogni volta diverso. Noi ti consigliamo Sara Compagni e il suo ‘Postura da paura’ (https://www.posturadapaura.com/it/), che propone tanti pacchetti interessanti e ha un occhio attento e formato per i pazienti oncologici.

5

Fatti correggere: anche se segui le lezioni online, periodicamente fanne qualcuna in diretta o in presenza così il personal trainer puoi guidarti nell’esecuzione degli esercizi e correggere eventuali errori.

6

Proteggi le ferite: avere un occhio di riguardo per le zone operate, dove magari hai una cicatrice, è importante. Proteggile con i cerotti al silicone (che trovi in farmacia) ed evita sfregamenti e irritazioni indossando vestiti morbidi e in puro cotone.

7

Prenditi il tuo tempo: sei da sola, in casa tua, quindi non avere fretta. Allenati con calma, senza guardare alla performance e senza puntare alla perfezione. Piuttosto, prova ad ascoltare il tuo corpo e a goderti questi momenti tutti per te.


Apre la prima palestra gratis per i malati oncologici

A Padova apre la palestra gratis per i pazienti oncologici

4 Minuti29 Agosto 2022

tumore e attività fisica


Sei pronta a iscriverti alla prima iniziativa del genere?

Una palestra gratis, con allenamenti personalizzati che ti aiutano a stare meglio. Sembra un sogno, lo sappiamo, ma a Padova tutto questo sta per diventare realtà. In autunno, infatti, nella città veneta debutterà Show Care, la prima palestra italiana gratuita dedicata ai pazienti oncologici, gestita da una organizzazione di volontariato. Le iscrizioni sono già aperte e noi ti raccontiamo in anteprima questa iniziativa davvero speciale.

Il progetto porta la firma di Giorgio Leo, presidente, e del socio Vito Stolfi, ideatore dell’iniziativa. “Sono nel settore fitness da tempo” spiega Leo. “Ho quattro club che rivoluzionano un po’ il concetto della classica palestra e che puntano su programmi personalizzati e ambienti più accoglienti. All’inizio della pandemia, il ritmo quotidiano del lavoro è cambiato e ne abbiamo approfittato per dedicarci a nuove iniziative così è nato Show Care. Tutti, purtroppo, abbiamo avuto un parente o un amico che ha combattuto contro il cancro, quindi abbiamo deciso di fare qualcosa per questi malati. Il Comune di Padova ci ha aiutato a trovare uno spazio e ora lo stiamo allestendo, grazie all’assessore Diego Bonavina e al consigliere Carlo Pasqualetto”.

“Ci concentriamo sui malati in follow-up, a cui faremo compilare un questionario per avere dati e informazioni personali. Poi formeremo dei gruppi da 5-6 persone, con problematiche simili: lavorare e stare insieme permette di condividere il peso della malattia e aiutarsi a vicenda"

Che il movimento sia benefico per i pazienti oncologici è ormai un dato di fatto. L’attività fisica aiuta a ridurre gli effetti collaterali di operazioni e terapie e, cosa ancora più importante, abbassa il rischio di recidive. “Ci concentriamo sui malati in follow-up, a cui faremo compilare un questionario per avere dati e informazioni personali” prosegue Leo. “Poi formeremo dei gruppi da 5-6 persone, con problematiche simili: lavorare e stare insieme permette di condividere il peso della malattia e aiutarsi a vicenda. Partiremo con un percorso di allenamento specifico, che segue le linee guida dall’American college of sports medicine, la più importante organizzazione al mondo che si occupa di medicina dello sport”.

I personal trainer di Show Care sono tutti altamente specializzati e attenti alle esigenze dei pazienti. “Punteranno su allenamenti divertenti e coinvolgenti, che iniziano con esercizi semplici per venire incontro a chi, in questi momenti di cure, si sente giustamente impacciato o a disagio” continua Leo. “Non mancheranno ascolto e dialogo e tanta, tantissima empatia. Anche l’ambiente sarà accogliente, come una coccola, efficace e professionale ma sempre concentrata sui bisogni di ogni individuo”. Il progetto, poi, sarà anche oggetto di uno studio dell’Università di Padova proprio per approfondire l’argomento e mettere in circolo idee e buone pratiche.

Il nostro racconto ti ha incuriosito e vuoi provare questa nuova palestra? Clicca subito su www.showcare.it, oppure manda una mail all’indirizzo info@showcare.it o telefona al numero 392.1247687.